mercoledì 21 febbraio 2018
Home / News / L’Università di Pavia nello spazio

L’Università di Pavia nello spazio

L’esperimento del Dipartimento di Medicina Molecolare per studiare nuove contromisure per il trattamento dell’osteoporosi sarà condotto a bordo della ISS, la Stazione Spaziale Internazionale, dal Capitano Samantha Cristoforetti nell’ambito della Missione ASI Futura. L’obiettivo dello studio – curato dal Livia Visai, ricercatrice all’Unità di Biochimica dell’Università di Pavia – è la dimostrazione dell’efficacia dell’utilizzo di nanoparticelle di idrossiapatite o di idrossiapatite arricchite in stronzio su cellule staminali mesenchimali adulte umane, isolate da midollo osseo, e su precursori di osteoclasti umani, isolati da sangue periferico, per valutarne il possibile impiego contro l’osteoporosi. La maggiore comprensione della patologia e dei meccanismi biochimici e biomolecolari sottostanti è notevolmente importante per lo sviluppo di nuove strategie sui protocolli terapeutici o farmacologi per la prevenzione e lo sviluppo di contromisure efficaci. L’esperimento vede la collaborazione dell’Università degli Studi di Milano, dell’Istituto di Cristallografia – CNR di Roma, e di Kayser Italia. Quello dell’Ateneo pavese è uno dei 9 esperimenti “made in Italy” (4 quelli proposti da Università) selezionati dall’Agenzia Spaziale Italiana – ASI, e curati, nell’ambito della Missione ASI Futura, dalla prima astronauta italiana. Fonte:  Università di Pavia “www.ucampus.unipv.it

Vedi anche..

Paolo Nespoli

Paolo Nespoli torna a bordo della ISS con un esperimento dell’Università di Pavia

L’astronauta italiano dell’ESA spiega il funzionamento del giubbotto “PERSEO” e come viene gestita l’acqua a …

Dott.ssa Paola Paci

The software winning SYSBIO prize 2014 is shown today on CNR homepage

Paola Paci, winner of the SYSBIO 2014 prize, is guested today on the website of …